Archives for : Agosto2019

Per scrivere e pubblicare felice: SCRIVI come se pedalassi #scrivifelice

Buon martedì! E ben ritrovat* per una nuova puntata della mia serie estiva sulla scrittura felice!

Che significa scrivere felici?



Continue Reading >>
Se ti è piaciuto condividi, grazie!
error

Per scrivere e pubblicare felice: PRENDITI UNA PAUSA #scrivifelice

Buon martedi! E buona nuova puntata della nostra serie di post sulla scrittura felice.

In fondo al post trovi l’elenco delle puntate precedenti.
Oggi però ci prendiamo una pausa, non solo perché è la settimana di Ferragosto, ma anche perché programmare dei momenti di riposo è importante almeno quanto pianificare il proprio lavoro attivo.

Ecco quindi qualche consiglio per intermezzi piacevoli e utili, che ti consentiranno di ricaricare le batterie e tornare al lavoro con calma e voglia di fare.

Tanto per cominciare, possiamo considerare diversi tipi di pause:



Continue Reading >>
Se ti è piaciuto condividi, grazie!
error

Una citazione di Stephen Covey – Le due creazioni

Nel post #scrivifelice di questa settimana, ho parlato della pianificazione. Che non è, come molt* erroneamente pensano, il riempire sterili e dettagliate scalette che ammazzano la musa, ma consiste nel creare mentalmente l’opera che vuoi realizzare, facendo sì che essa corrisponda davvero a quello che vuoi e alle tue intenzioni.

Lo spiega bene Stephen Covey, autore di un libro che ti consiglio sperticatamente di leggere. Il titolo italiano “Le sette regole del successo” non rende giustizia a quello originale: “Le sette abitudini delle persone davvero efficaci”.

La citazione originale è più lunga, eccola:

Tutte le cose vengono create due volte. C’è una prima creazione mentale, e una seconda creazione fisica in tutte le cose. Devi essere certo che il progetto, la prima creazione, sia davvero ciò che desideri, e di aver pensato a ogni cosa. Poi metti il tutto in mattoni e malta. Ogni giorno vai al cantiere e tiri fuori il progetto per stilare il piano di lavoro della giornata. Inizi con in mente la fine.

Stephen Covey, Le sette regole per avere successo (1989)

Martedì prossimo, un intermezzo nel nostro percorso di scrittura felice. Continua a seguirmi!

I post di #scrivifelice:

Se ti è piaciuto condividi, grazie!
error

Una recensione a “La cospirazione dell’inquisitore” su Se ne dicon di parole

Tra le molte pagine facebook che fanno la gioia di lettori e lettrici, Se ne dicon di parole ha un paio di caratteristiche davvero interessanti.



Continue Reading >>
Se ti è piaciuto condividi, grazie!
error

Per scrivere e pubblicare felice, il terzo passo è: PIANIFICA #scrivifelice

Buon martedi! E buona nuova puntata della nostra serie di post sulla scrittura felice.

Scrivere felice significa integrare la scrittura nella tua vita, in un modo che ti consenta di migliorare e di crescere stilisticamente, e che allo stesso tempo ti migliori le giornate.

Per quale motivo le persone che hanno una qualsiasi passione, dalla danza al trekking al collezionismo, ne parlano con entusiasmo e felicità, mentre chi scrive finisce spesso in uno stato semidepressivo fatto di lagne su quanto è brutto l’ambiente, quanto è ignorante la gente e quanto è senza cuore il mondo del libro?
C’è un modo per evitare tutto questo, senza cadere per forza nella trappola opposta, ovvero: “il mondo non capisce la mia immane perfezione ma non importa, io sono l’ottava meraviglia e la storia mi darà ragione”?

Secondo me sì: una terza via esiste.
Siamo qui per scoprire insieme qual è.
E abbiamo già fatto alcuni passi.

Ora, il TERZO PASSO: la pianificazione preliminare, ovvero il progetto ragionato e dettagliato del tuo edificio.

La pianificazione preliminare è una fase cruciale: un tempo investito prima che è un tempo risparmiato dopo, e che ti farà scrivere molto più facilmente e velocemente.

Scalette, schemi, profili dei personaggi, racconti spinoff, descrizioni, appunti liberi. Non sottovalutare l’utilità delle scritture preparatorie e in generale della tua presenza in sala radar.
Può essere difficile, lo so: perché la pianificazione è una prassi a cui in generale non siamo molto abituati.

Quanti lasciano sulla propria scrivania una lista di cose da fare per il giorno dopo? Quanti si preparano un piano alimentare? E chi di noi stila abitualmente liste della spesa, o delle faccende domestiche, o dei film/libri da vedere/leggere in sequenza?

Quanti di noi programmano in anticipo la propria settimana, mettendo in testa la “missione” generale e stendendo una lista di obiettivi a medio e corto termine?
Quest’ultima può sembrare un’esagerazione da invasati, eppure è una pratica raccomandata da Stephen Covey in “Le sette regole per avere successo”, un testo che ti consiglio assolutamente, una pietra miliare della formazione personale (e, inutile dirlo, bestseller planetario).

Tutte le cose vengono create due volte. C’è una prima creazione mentale, e una seconda creazione fisica in tutte le cose. Devi essere certo che il progetto, la prima creazione, sia davvero ciò che desideri, e di aver pensato a ogni cosa. Poi metti il tutto in mattoni e malta. Ogni giorno vai al cantiere e tiri fuori il progetto per stilare il piano di lavoro della giornata. Inizi con in mente la fine.

Stephen Covey, Le sette regole per avere successo (1989)

Pianificare è difficile perché è un’attività che prende tempo, attenzione ed energia. Ha una cosa in comune con la scrittura: meno si fa, più è faticosa.
È però utilissima e prima che tu la liquidi con un “non fa parte del mio metodo di lavoro!” ti consiglio di fare qualche tentativo serio e strutturato.

Per cominciare puoi provare con un racconto.
Quella del racconto è un’arte difficilissima. A livello di “palestra di scrittura” però è più semplice del romanzo, perché è più breve e può rispondere tranquillamente a unità di tempo e di luogo. Una scaletta delle scene può renderla ancora più facile.

Se poi ci aggiungi:

  • una lista dei personaggi, e per ognuno tre aggettivi caratterizzanti;
  • una lista delle ambientazioni e una parola accanto a ciascuna che connoti l’atmosfera;
  • una singola frase che riassuma ciò che vogliamo dire: il perché scriviamo il racconto, le motivazioni, ricordi?

… ecco che la scrittura vera e propria, ovvero la fase di pura creazione, della quale parlerò molto presto, si farà ancora più facile e praticabile.

Investire tempo nel lavoro preliminare di selezione e organizzazione delle idee creative ci dà alcuni vantaggi che possono essere cruciali per la serenità della nostra scrittura.

  • Ci abitua a strutturare le idee e a tradurle presto e bene in narrazione, cosa indispensabile a una scrittura professionale.
  • Corollario della precedente, ci allena all’efficienza e all’azione.
  • Ci consente di capire quali idee sviluppare e quali lasciare nel cassetto, perché al momento ci porterebbero fuori strada o perché magari non è ancora il momento di usarle. Questo è vitale se scriviamo per un concorso letterario.

Inoltre, la pianificazione preliminare ci consente di mettere meglio a punto un’altra attività importantissima per molte scritture: la documentazione. Chiedendoci cosa vogliamo scrivere, possiamo renderci conto di cosa ci serve sapere, e studiare di conseguenza per costruire ambientazioni, ideare intrecci, approfondire personaggi… e non prendere cantonate.

Insomma, la pianificazione è una fase che considero imprescindibile in qualsiasi scrittura (io la faccio anche per articoli tecnici e per recensioni) e che raccomando di praticare.

Ne ho scritto parecchio nel “Manuale di scrittura di fantascienza”, che trovi in tutte le librerie e che contiene un metodo pratico di scrittura valido per qualsiasi genere.

E ne abbiamo parlato molto anche sul blog di Studio83.

Un post molto importante è questo: Blocco dello scrittore: cinque trucchi per superarlo

Eh, sì: perché l’ispirazione è bellissima, è fantastico prendere un foglio e una penna e iniziare su due piedi, via, senza farsi domande, scriviamo dove ci porta il cuore… poi qualcosa non torna, la frenesia ha un calo fisiologico, abbiamo riempito una montagna di fogli senza ben capire cosa… ed eccoci in un vicolo cieco, che per comodità e per autoassolverci chiamiamo furbamente il blocco dello scrittore.

Io scrivo professionalmente da quindici anni, e ho scoperto questo: il blocco dello scrittore non esiste, esistono pratiche poco funzionali che ci fanno sprecare tempo ed energie fino a chiederci chi cavolo ce lo fa fare.
Io non posso bloccarmi, semplicemente, perché sennò non mi pagano e perché sennò dovrei saltare la consegna, cosa che non esiste e non ho mai fatto: ma se togliamo la mia faccia e la mia situazione, restano i metodi che ho trovato per arrivare al mio obiettivo, alla fine della dannata storia, e quelli funzionano anche in condizioni diverse dalla mia.

La pianificazione preliminare è forse il momento più importante di tutti. Non trascurarlo e vedrai che il tuo impegno iniziale si tradurrà in una strada più semplice e meno angosciosa!

Per approfondire modi e strategie per pianificare, ecco qui:

Lo so, lo so: tanti link, articoli, temi che meritano approfondimento.
Per questa ragione mollo un po’ il colpo, e il prossimo post della serie sarà una piccola digressione, un consiglio molto importante, ma che ti darà tempo per fermarti su ciò che vorrai, per leggere e per riflettere con calma.

Al prossimo martedì 🙂

Se ti è piaciuto condividi, grazie!
error

Una citazione di J.P. Morgan (forse!)

Nel post di questa settimana della serie #scrivifelice ho parlato delle “radici” della tua scrittura e delle tue storie: ovvero, le motivazioni per cui vuoi raccontarle!

Ecco la citazione che ho usato, insieme a molti altri argomenti, per riflettere insieme sul concetto di motivazione e su come identificarla.

Ci sono sempre due motivi per cui uno fa qualcosa.
Il buon motivo e il vero motivo.

Il magnate J.P. Morgan, da una scena de “L’alienista”
Se ti è piaciuto condividi, grazie!
error

Un mio pezzo su Linus di agosto – L’eros radicale della fantascienza delle donne

Questo mese, un numero molto particolare della rivista Linus, incentrato sugli aspetti più ribelli dell’erotismo.

C’è anche un mio pezzo!

C’è un nuovo linus in città! Un linus ribelle come la Pravda di Guy Peellaert, una sbandata che stravolge i canoni del fumetto e sbuca provocante e minacciosa dalla copertina.



Continue Reading >>
Se ti è piaciuto condividi, grazie!
error

Ancora in tema rosa: lo stereotipo della superdonna e le disparità nelle narrazioni

Dopo la mia esperienza al Festival del Romance Italiano e dopo aver scritto io stessa un libro romance, ho iniziato a interessarmi anche a questo genere e ai tanti spunti e discussioni che riguardano la scrittura delle donne. Un tema che studio da tempo nella fantascienza, e che nel caso del romance è secondo me imprescindibile.

In questi ultimi anni, le questioni femministe sono tornate importanti e si prendono il giusto spazio, aiutate dall’ondata del #metoo, anche in riviste e contenitori generalisti, e in serie TV molto curate e attente a non cadere in vecchi stereotipi.
Una di queste, che sta facendo parlare di temi molto importanti, è Fleabag.

“Fleabag” racconta di una giovane donna londinese e della sua vita problematica, dovuta a una famiglia disfunzionale, alle difficoltà economiche legate alla gestione di una caffetteria a tema porcellino d’India, che aveva aperto con la sua migliore amica, ora defunta, e alla sua instabile, quanto frenetica vita sessuale e sentimentale.

Da Wikipedia


Continue Reading >>
Se ti è piaciuto condividi, grazie!
error